Home             Introduzione             Storia             Prospettive             Multimedia             Contatti
 

 

TRANSAQUA è una idea di progetto che si propone di ricostituire l’originale livello del Lago Ciad “trasferendo” dal bacino del Fiume Congo (ex Zaire) a quello del lago Ciad, circa 100 miliardi di metri cubi di acqua all’anno. L’”idea” di questo progetto fu concepita da BONIFICA S.P.A. (della Società finanziaria ITALSTAT del Gruppo IRI) e  da questa Società fu divulgata, nel 1982, mediante un documento promozionale (v. “STORIA”) intitolato “TRANSAQUA – Una idea per il Sahel”.

INTERAFRICA è una estensione dell’idea di Transaqua che si propone di mettere a disposizione della popolazione libica una fonte idrica rigenerabile,  a partire da un ricostituito lago Ciad , dal quale prelevare quei quantitativi di acqua oggi garantiti dalla più importante rete di distribuzione idrica del mondo (il “GMR – GREAT MAN MADE RIVER”) mediante pompaggio dalle falde idriche del sahara libico, che sembrano però avere origine geologica.

Il progetto INTERAFRICA potrebbe costituire la garanzia di una loro “ricarica”in un futuro difficilmente quantificabile in termini di decenni .

INTERAFRICA fu promosso, nell’anno 2001, dall’Ambasciatore Patrizio  Schmidlin con la consulenza tecnica di M.Vichi (v.”STORIA”), nella speranza che le Autorità libiche facessero propria l’”idea”progettuale di “recuperare” il lago Ciad e nel contempo di costituire la importante opportunità – se e quando il problema si fosse presentato – di attingere dal ricostituito lago, una parte di acqua per alimentare alcuni acquiferi sahariani. Scopo del documento era la speranza di indurre le Autorità libiche ad attivarsi come “chef de fil” di un Consorzio per lo sviluppo di un grande progetto panafricano, sostituendosi in tale iniziativa ai Paesi Occidentali che non sembravano – come non sembrano - interessati a farsene paladini.

Pertanto INTERAFRICA, nella sua prima parte, si ispira a TRANSAQUA, sia pur con alcuni  importanti aggiornamenti e modifiche, per poi estendere l’idea di progetto al possibile rifornimento degli acquiferi di Kufrah e al notevole ampliamento della rete di collegamenti stradali interafricani.

In tal modo l’insieme dei due progetti implicherebbe una rete di collegamenti viari  fra i due Porti oceanici di Lagos e Mombasa  con  Tripoli sul mediterraneo  alleviando 10 Paesi centro africani da un altro enorme problema del continente: quello della mancanza di vie di comunicazione  interne collegando aree vastissime non sfruttate ai fini agricoli, con le reti stradali costiere, realizzate dai Paesi ex coloniali, interessati principalmente all’accesso ai Porti.

Occorre non dimenticare infatti che l’Africa, dotata di enormi potenzialità produttive, potrebbe, se adeguatamente attrezzata con accesso alle risorse idriche e  un  minimo di efficiente rete di trasporti internazionali, partecipare validamente al sostentamento alimentare di ulteriori 2,5 miliardi di esseri umani che, secondo le previsioni, a livello planetario, dovranno essere sfamati da oggi al 2050.

In grande sintesi, l'”idea” di questi progetti, qualora confermati dai necessari  Studi di fattibilità, potrebbe produrre, in una grandissima parte del continente africano, enormi effetti diretti e indiretti con conseguenze economiche continentali così riassumibili:

  • Il trasferimento idrico di circa 70/100 miliardi di metri cubi annui dal bacino del Congo al bacino del lago Ciad;
     

  • la realizzazione di un grande lago artificiale nella Repubblica Centrafricana con elevatissima produzione idroelettrica, lavorazione agro-industriale di una grande massa di prodotti agricoli africani, porto franco e smistamento merci verso i porti di Tripoli, Lagos e Mombasa;
     

  • la valorizzazione strategica della Repubblica Centrafricana che da Paese senza sbocchi al mare, diverrebbe il “pivot” idrico, industriale e viario del più grande progetto africano mai concepito;
     

  • il recupero della originaria superficie del Lago Ciad oramai ridotto ad un ventesimo della sue ottimali dimensioni;
     

  • la ricarica delle falde fossili sahariane con acque prelevabili dal Bahr el Ghazal, prolungamento naturale del lago Ciad;
     

  • sviluppo agricolo, zootecnico e pastorale nel cuore dell’Africa senza precedenti nella zona “sahelica”del Ciad e nelle zone rivierasche di Nigeria, Niger e Camerun;
     

  • una rete di trasporti internazionale africana capace di collegare Tripoli con Mombasa e Lagos, ovvero il mediterraneo con i due porti sull’Oceano Indiano e sull’Oceano Atlantico.

 

Lo sviluppo, totale o parziale, di una tale iniziativa  produrrebbe nel continente africano enormi effetti diretti ed indiretti sugli scenari naturali, economici e sociali, con ripercussioni socio-economiche continentali.

Si determinerebbe uno sviluppo senza precedenti nel cuore dell’Africa, nei settori agricolo, zootecnico-pastorale, industriale e dei trasporti; potrebbe coinvolgere dieci Paesi africani che territorialmente rappresentano circa 1/3 dell’intero continente africano.

     
  Scarica la versione Integrale del documento in formato PDF Stampabile
Clicca qui per scaricare il file PDF
Download
 
     

Pagina Precedente

 

Pag 2 di 2